Vai al contenuto principale
Comunicato stampa

Le aziende temono forti criticità di attraction e retention delle risorse

N/A
N/A

Aprile 19, 2022

MILANO, Aprile 19, 2022 – Le aziende italiane si aspettano forti criticità nell'attrarre e trattenere le risorse. Secondo la “Reimagining Work and Rewards Survey” di WTW ben l’83% delle aziende intervistate in Italia riscontra difficoltà in particolare per le risorse con competenze digitali (artificial intelligence, sicurezza informatica, cyber risk, user experience, analytics), mentre  il 48% per le posizioni della forza vendita.

La pandemia ha portato enormi cambiamenti anche nel mondo del lavoro. Basti pensare, ad esempio, che mentre tre anni fa in Italia solo il 24% dei dipendenti lavorava principalmente da remoto o con una combinazione di lavoro in presenza e da remoto, ora si arriva al 58% e sarà al 57% tra tre anni. Il lavoro flessibile non è più quindi un elemento di differenziazione nelle aziende, ma é pervasivo e consolidato.

Non c'è sfida più grande in questo momento che assumere e trattenere le persone.”

Edoardo Cesarini
Amministratore Delegato di WTW

Edoardo Cesarini, Amministratore Delegato di WTW, ha dichiarato: "Le aziende di quasi tutti i settori sono ora sottoposte ad una pressione significativa per adattarsi a cambiamenti radicali della forza lavoro. Non c'è sfida più grande in questo momento che assumere e trattenere le persone. Purtroppo, i risultati della ricerca mostrano che secondo le aziende la situazione peggiorerà, soprattutto per i ruoli con competenze digitali".

La ricerca di WTW ha evidenziato che le aziende si aspettano grandi cambiamenti in particolare in tre aree strategiche: lavoro e ruoli (50%), total rewards (80%) e definizione di carriera (90%). Sul primo punto, poiché le skills sono molto variabili e i gap di skills persistono, le aziende stanno progettando da un lato modelli di lavoro alternativi  e dall’altro costruendo talent ecosystem. Nei prossimi tre anni, inoltre, ci si aspetta un aumento del 40% delle aziende che investiranno nel multi-skilling.

Sulla seconda area strategica, la ricerca evidenzia che le aziende più performanti sono quelle maggiormente propense a reimpostare la filosofia di total rewards, che comprende retribuzione, benefit, carriera e benessere. Purtroppo molte aziende non sono state tempestive nell’adattare i programmi di total rewards rispetto ai nuovi modi di lavorare o nell’impegno per ridurre l’impatto ambientale: il 74% delle imprese, infatti, non prevede sistemi di incentivazione collegati ai piani zero emissioni, oltre il 60% non li adatta alle esigenze dei dipendenti e alle mutevoli condizioni aziendali e più della metà, il 52%, non ha differenziato chiaramente l’offerta di total rewards rispetto a quella dei competitors.

Sulla carriera, la terza area strategica evidenziata dalla ricerca, molte aziende dimostrano di considerare l’avanzamento di carriera come una priorità. Circa il 50% delle aziende ritiene che job architecture e job levelling siano degli strumenti utili per supportare il lavoro agile e flessibile  La maggior parte non ha ancora pienamente attivato però una career experience e il 31% ha dichiarato di non avere formalmente nè definito nè comunicato dei percorsi di carriera, mentre il 46% l’ha fatto solo in parte. Si tratta di un’occasione mancata per far comprendere e apprezzare le opportunità di crescita ai dipendenti.

Edoardo Cesarini ha aggiunto: "In questo mercato del lavoro ultra-competitivo è importante che l’azienda si sappia distinguere. Differenziare l'offerta di total rewards è un modo per farlo. Per le aziende questo non significa semplicemente domandarsi di quanto aumentare la retribuzione, ma di come premiare i dipendenti in senso più ampio. E’ utile quindi una maggiore attenzione ai riconoscimenti non monetari come l’avanzamento di carriera. Il fenomeno della ‘Great Resignation’ é un dato di fatto oggi, ma le aziende possono intraprendere azioni tangibili per vincere la gara dei talenti: l'identificazione di nuove modalità di talent sourcing, l’upskilling e il reskilling, l'ottimizzazione del lavoro, la reimpostazione della strategia di total rewards e una career experience più incisiva per i dipendenti".

Reimagining Work and Rewards Survey di WTW

Un totale di 1.650 aziende in tutto il mondo, comprese 27 in Italia, hanno partecipato alla ricerca Reimagining Work and Rewards 2021 - 2022, che è stata condotta tra il 28 ottobre e il 10 dicembre 2021. Gli intervistati impiegano 11.9 milioni di dipendenti, di cui 37.000 in Italia.

Related content tags, list of links Comunicato stampa

Soluzioni Correlate

Contact Us